Rassegna
Rassegna
Rassegna
newsletter
forum
Rassegna
printmail  
  • Martedì 17, Mercoledì 18, Giovedì 19 Settembre 2013
  • Ore 15.40 - 17.50 - 20 - 22.10

IO SONO TU

RegiaSeth Gordon
CastJason Bateman (Sandy), Amanda Peet (Trish Patterson), Jon Favreau (Harold Cornish), Melissa Mccarthy (Diana), John Cho (Daniel Casey), Robert Patrick (Skiptracer), Genesis Rodriguez (Marisol), Eric Stonestreet (Big Chuck), Maggie Elizabeth Jones (Jessie Patterson)
GenereCOMMEDIA
Anno2013
NazioneUSA
DistribuzioneUNIVERSAL PICTURES INTERNATIONAL ITALY
Durata111'
IO SONO TU
 
Soggetto: Craig Mazin, Jerry Eeten
Sceneggiatura: Craig Mazin
Fotografia: Javier Aguirresarobe
Musiche: Christopher Lennertz
Scenografia: Shepherd Frankel
Arredamento: Maria Nay
Effetti: Proof, Crazy Horse Effects
Produzione: PAMELA ABDY, JASON BATEMAN, SCOTT STUBER PER AGGREGATE FILMS, DUMBDUMB, STUBER PRODUCTIONS
  • La Storia
    Le avventure di Sandy, un uomo normale alle prese con il bizzarro ed estremo tentativo di riprendersi la propria identità, che gli è stata rubata da Diana, una donna di Miami che finanzia le sue spese attraverso il conto in banca dello stesso Sandy...
  • La Critica
    Commedia estiva che gioca molto sulla vis comica della McCarthy. La cronaca è piena di gente che dà con troppa facilità i propri dati. Questo film serve da monito. (A.S., 'Il Giornale', 25 luglio 2013)

    Squadra che vince non si cambia così l'alleanza tra Seth Gordon e Jason Bateman dopo Come ammazzare il capo e vivere felici (200 milioni di dollari incassati nel mondo) si ripropone. Con l'aggiunta (così determinante da far trasformare il personaggio da uomo in donna in fase di sceneggiatura) di Melissa McCarthy che, vista la sua performance in Le amiche della sposa, è stata fortemente voluta da Bateman nel film. Con un esito che si può definire altalenante. Perché lo spunto di partenza affonda le radici nella realtà quotidiana. Quanti hanno subito un furto d'identità sanno quali e quante siano le complicazioni che ne seguono. In una Confederazione come sono gli Stati Uniti la cosa è ulteriormente complicata dalle differenti legislazioni tra Stato e Stato. La sceneggiatura sa esplicitarle con grande efficacia nella parte iniziale offrendo la giustificazione al Sandy manager in Colorado di andare a reperire la Sandy della Florida (il nome di lui si presta ad equivoci sul sesso di appartenenza). Ha così inizio il classico on the road che sfrutta tutti gli elementi del genere buddy-buddy. La memoria corre, considerando anche il fisico dei due protagonisti, a Un biglietto in due con Steve Martin e John Candy. Qui però, il trailer ne è fedele testimonianza, si preme un po' troppo spesso il pedale sull'esagerazione nelle gag a cui si aggiungono killer scatenati in caccia della truffatrice che poco aggiungono, se non sul piano della durata complessiva del film, a quanto la vicenda sembrava promettere all'inizio. In definitiva abbiamo due bravi attori che debbono gestire due tipi di commedia in un solo film. Ci riescono, ma che fatica!
    Giancarlo Zappoli, Mymovies.it, luglio 2013

    Dopo il caustico Come ammazzare il capo... e vivere felici!, Seth Gordon torna a dirigere Jason Bateman in questa commedia che contrappone la comicità flemmatica dell'attore di Arrested Development a quella decisamente più fisica e travolgente di Melissa McCarthy, che in Io sono tu si conferma, nel caso ce ne fosse bisogno, una vera e propria forza della natura, un'attrice che non ha timore a confrontarsi (anche fisicamente) con i colleghi maschi, e che spesso riesce a metterli in ombra. Due talenti comici, quelli di Bateman e della McCarthy che avrebbero figurato meglio in un film in cui il ritmo comico non si disperdesse tra una scena d'azione e l'altra. La McCarthy, capelli cotonati e trucco appariscente, dà vita ad un personaggio sgradevole quanto irresistibile - che alla fine riesce a conquistare il pubblico, e persino il povero allocco da lei truffato, con tutta la famiglia.
    Le situazioni divertenti non mancano di certo - come quella in cui Budgie - questo il vero nome della truffatrice - descrive la propria dirompente sessualità alla moglie di Patterson, paragonando le sue zone intime al Triangolo delle Bermude, "dalle quali nessuno torna indietro" - ma i tempi del film rallentano il ritmo della storia, a discapito del divertimento. I due interpreti sono sicuramente bravi, e l'idea di contrapporre due comicità così diverse è sicuramente vincente.
    Fabio Fusco, Movieplayer.it, 7 agosto 2013

    Forse non un grandissimo soggetto. Forse non il film per cui Seth Gordon verrà ricordato. Forse un po’ troppo mainstream, della serie siamo tutti cattivi che aspettiamo il momento della redenzione. Ok, Io sono tu è tutto questo, ma... Melissa McCarhty! Cattiva, rozza, sincera, è un’attrice che in un solo film dimostra di conoscere come poche l’universo femminile. E se sono accorti anche ad Hollywood, tanto che nell’ultimo anno, Melissa recita da protagonista in Corpi da reato al fianco della Bullock, in Io sono tu con Jason Bateman (funzionano alla grande) e ottiene la parte di Cassie in Una notte da leoni 3. Quindi, non sarà la commedia nera dell’anno, ma si ride come matti quando Melissa è in campo. (...) E’ un film dove Melissa McCarthy si scatena: balla e canta indemoniata, picchia chi non le va a genio, cavalca un cowboy sovrappeso, fa una spaccata nel mezzo di un pub, si lancia per aggrapparsi ad un lampadario...non male per una ragazzona nata nel 1970 che per fisicità rappresenta una larga fetta di popolazione sovrappeso americana.
    Andrea Baroni, 35mm.it, 7 agosto 2013
  • Il Regista
    Nato ad Evanston, Illinois, nel 1974, Seth Gordon si diploma alla Lakeside School di Seattle per poi studiare architettura alla Yale University. Da un viaggio in Kenya, intrapreso durante gli anni dell'Università, ha l'idea per un progetto documentaristico sul Terzo mondo. L'alternanza tra lavoro narrativo e documentario è la chiave più rapida per decifrare una filmografia ancora incerta tra nuova commedia americana e un approccio decisamente più eterogeneo al cinema.
    Anche produttore e montatore, nei primi anni di apprendistato, collabora con varie funzioni alla realizzazione di titoli importanti come New York Doll o Dixie Chicks: Shut Up and Sing di Barbara Kopple e Cecilia Peck. La prima regia è per Squirt (2002), diretto insieme a Luis Lopez, cui seguono i cortometraggi Fears of Clown (2004), The Problem with Percival (2006) e, soprattutto, il documentario The King of Kong: A Fistful of Quarters (2007), originale incursione tra fanatici dei videogiochi e record da battere con joystick alla mano che ha la benedizione della critica americana.
    Dopo aver prodotto e montato Nickname: Enigmista per Universal, esordisce nel lungometraggio narrativo con la commedia Tutti insieme inevitabilmente (2008), con la coppia Reese Witherspoon e Vince Vaughn che, in seguito ad un imprevisto, si trova costretta a trascorrere il Natale insieme alle rispettive famiglie allargate cui prestano il corpo glorie della recitazione come Robert Duvall, Sissy Spacek, Jon Voight e Mary Steenburgen.
    Parks and Recreation, Community, The Office, Modern Family e Breaking In sono le serie televisive per cui dirige una decina di episodi tra il 2009 e il 2011, periodo in cui cura anche la produzione e la regia - insieme ai colleghi Heidi Ewing, Alex Gibney, Rachel Grady, Eugene Jarecki, e Morgan Spurlock - del documentario a episodi Freakonomics (2010), ispirato al best-seller di Steven Levitt e Stephen Dubner.
    Con Come ammazzare il capo... e vivere felici (2011) torna al lungometraggio di finzione, firmando una commedia dalle venature nere su tre amici che decidono di uccidere i loro insopportabili superiori, interpretati dai divi Colin Farrell, Kevin Spacey e Jennifer Aniston. Nel 2013 torna a lavorare per Io sono tu con Jason Bateman nei panni di un uomo che si vede 'rubare' la sua identità da un'altra persona: Melissa McCarthy.
    Regista che insegue più di uno stimolo, Gordon ha all'attivo anche alcuni video musicali e spot commerciali oltre ad una serie di video, diffusi in rete, sulla pericolosità del crimine informatico.


ARCHIVIO FILM

IO SONO TU
di Seth Gordon

UNA CANZONE PER MARION
di Paul Andrew

IN TRANCE
di Danny Boyle

ELYSIUM
di Neill Blomkamp

L'INTREPIDO
di Gianni Amelio

UN PIANO PERFETTO
di Pascal Chaumeil

BLING RING
di Sofia Coppola

GRAVITY
di Alfonso Cuarón

TWO MOTHERS
di Anne Fontaine

UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE
di Rocco Papaleo

LA PRIMA NEVE
di Andrea Segre

CAPTAIN PHILLIPS
di Paul Greengrass

ZORAN, il mio nipote scemo
di Matteo Oleotto

VENERE IN PELLICCIA
di Roman Polanski

IN SOLITARIO
di Christophe Offenstein

LA MAFIA UCCIDE SOLO D'ESTATE
di Pierfrancesco Diliberto

BLU JASMINE
di Woody Allen

I SOGNI SEGRETI DI WALTER MITTY
di Ben Stiller

PHILOMENA
di Stephen Frears

AMERICAN HUSTLE
di David O.Russell

DIANA
di Oliver Hirschbiegel

THE BUTLER
di Lee Daniels

IL CAPITALE UMANO
di Paolo Virzì

TUTTA COLPA DI FREUD
di Paolo Genovese

THE WOLF OF WALL STREET
di Martin Scorsese

I SEGRETI DI OSAGE COUNTY
di John Wells (II)

12 ANNI SCHIAVO
di Steve McQueen (II)

STORIA D'INVERNO
di Akiva Goldsman

MONUMENTS MEN
di George Clooney

SOTTO UNA BUONA STELLA
di Carlo Verdone

ALLACCIATE LE CINTURE
di Ferzan Özpetek

NOAH
di Darren Aronofsky

FINO A PROVA CONTRARIA - Devil's Knot
di Atom Egoyan

STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI
di Brian Percival