Rassegna
Rassegna
Rassegna
newsletter
forum
Rassegna
printmail  
  • Lunedì 2, Martedì 3, Mercoledì 4, Giovedì 5
  • Ore 22.00 ....... MARTEDì e MERCOLEDì ore 16 - 18 - 20 - 22 ........ GIOVEDì ore 16 - 18 - 20

LA PRIMA NEVE

RegiaAndrea Segre
CastJean-Christophe Folly (Dani), Matteo Marchel (Michele), Anita Caprioli (Elisa), Peter Mitterrutzner (Pietro), Giuseppe Battiston (Fabio), Paolo Pierobon (Gus), Sadia Afzal (Sadia), Leonardo Paoli (Leo), Lorenzo Pintarelli (Platzer), Roberto Citran (Poliziotto), Andrea Pennacchi (Poliziotto)
GenereDRAMMATICO
Anno2013
NazioneITALIA
DistribuzionePARTHÉNOS
Durata105'
LA PRIMA NEVE
 
Soggetto: Marco Pettenello, Andrea Segre
Sceneggiatura: Marco Pettenello, Andrea Segre
Fotografia: Luca Bigazzi
Musiche: Piccola Bottega Baltazar
Montaggio: Sara Zavarise
Scenografia: Leonardo Scarpa
Costumi: Silvia Nebiolo
Produzione: FRANCESCO BONSEMBIANTE E MARCO PAOLINI PER JOLEFILM CON RAI CINEMA, IN ASSOCIAZIONE CON TASCI SRL, DAVIDE ORSONI
  • Note - IL FILM È STATO REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON TRENTINO FILM COMMISSION E CON IL CONTRIBUTO DEL MIBAC-DGC.
    - IN CONCORSO ALLA 70. MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2013) NELLA SEZIONE 'ORIZZONTI'.
  • La Storia
    Pergine, paesino nelle montagne del Trentino, ai piedi della valle dei Mocheni. È nel bosco che avviene l'incontro tra Dani, nato in Togo, arrivato in Italia fuggendo dalla guerra libica, e Michele, un ragazzino di 10 anni, che da poco ha perso il padre e che vive in continua lotta con la madre. L'addentrarsi nella natura, nel suo silenzio, per raccogliere legna in attesa della prima neve che sta per arrivare, sarà occasione per i due, di ascoltarsi e conoscersi.
  • La Critica
    Dopo l'ottimo 'Io sono Li', Andrea Segre, anticipatore della linea documentario fiction, parte per i boschi del Trentino a presentarci personaggi in astinenza affettiva: un ragazzino orfano di padre e un immigrato dal Togo. Match tra affetti edulcorati e natura violenta di cui si vedono radici appena velate dalla prima neve. Un po' didascalico ma ben interpretato: Battiston e Pierobon, la Caprioli, Folly e Matteo, vera corrente del film.
    Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 17 ottobre 2013

    Andrea Segre ha realizzato documentari prima di debuttare nella finzione con il notevolissimo 'Io sono Li'. Ora la sua opera seconda 'La prima neve' torna, ancora come nel primo film con modalità originali, indirette, a investire il tema dell'immigrazione e dell'integrazione. (...) Un cinema, questo di Andrea Segre (veneziano, trentasettenne) che appare abbastanza in sintonia, per esempio, con quello di Giorgio Diritti (natura maestosa, silenzi, lentezze), e che forse ha ascoltato la lezione del cinema di Ermanno Olmi. Che, ingannevolmente, può sembrare a prima vista 'documentaristico' e poco elaborato, mentre è vero il contrario (un tocco importante lo dà sicuramente la fotografia di Luca Bigazzi). Certamente, la lezione della pratica documentaria ha il suo peso e interagisce con la costruzione, la narrazione, la finzione. Così come (proprio la stessa cosa di Diritti: i due hanno in comune anche la forza sorprendente dell'opera prima. Quella di Diritti era 'Il vento fa il suo giro', a sua volta ambientato nell'isolamento e nella specificità linguistica di una valle alpina, proprio come qui in 'La prima neve') gli attori di professione trovano un naturale, fluido incastro con quelli non professionisti. E con l'altro, fondamentale elemento: la natura. Vista e sentita per quello che è. Bella e struggente ma anche portatrice di minacce e pericoli.
    Paolo D'agostini, 'La Repubblica', 17 ottobre 2013

    Segre, grazie anche al suo finissimo passato da documentarista, ha immerso la sua nuova storia nel cuore stesso della natura, quei boschi rigogliosi, quelle valli e quelle montagne del Trentino dove Michele, marinando la scuola, va spesso per raccogliere la legna per i lavori del nonno, accompagnato da Dani. La natura attorno, le sue luci, il variare delle stagioni, mentre attraverso gli alberi filtrano i raggi di sole. Con molto riserbo, comunque, lo stesso cui Segre ha fatto ricorso per rappresentare i sentimenti di quei due personaggi e il loro quasi impalpabile progredire. Con silenzi, con pause, lasciando in un certo senso in sospeso persino il finale che solo la prima neve si incaricherà di suggerire. Nelle cifre decise del 'non detto'. E con immagini che, grazie alla fotografia come sempre magica di Luca Bigazzi, riescono a trasmettere sensazioni calme ed emozioni contenute. Nelle vesti di Dani, Jean-Cristophe Folly, sempre tormentato dal ricordo della moglie, Michele è Matteo Marchel, con la freschezza dell'infanzia, la madre è Anita Caprioli una nitida presenza. Grazie a Segre sanno adeguarsi in modo autentico alla recitazione dei molti non professionisti attorno.
    Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo Roma', 17 ottobre 2013

    Al secondo film Andrea Segre conferma le sue doti. Scelte chiare, stile limpido, attenzione ai palpiti più segreti dei personaggi. (...) un dialogo che abbraccia natura e rivolta, arte e desiderio di fuga. Tenendo sempre ben a fuoco lo sfondo e le figure in primo piano, come pochi oggi sanno fare.
    Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 17 ottobre 2013

    Il secondo film «di finzione» di Andrea Segre è il fratellino di 'Io sono Li', il pluripremiato gioiello con il quale questo straordinario documentarista aveva esordito due anni fa. Ma nel caso di Segre la distinzione tra finzione e documentario rischia di essere un equivoco, relegando in una collocazione «minore» lavori come 'Sangue verde' e 'Mare chiuso' e trascurando la forte componente di realtà presente anche in 'La prima neve'. Se 'Io sono Li' raccontava la storia di una donna cinese arrivata chissà come nella laguna di Chioggia, il nuovo film racconta uno spaesamento ancora più forte (...) A differenza che in 'Io sono Li', che sembrava veramente «rubato» dalla vita anche grazie al talento dell'incredibile attrice cinese Tao Zhao, Segre e il suo sceneggiatore Marco Pettenello sentono il bisogno di strutturare fin troppo la storia (e per fortuna ci risparmiano un improbabile amore fra l'africano e l'italiana). Il film è meno felice ma comunque bello, e conferma Segre come un regista su cui il nostro cinema deve puntare ad occhi chiusi.
    Alberto Crespi, 'L'Unità', 17 ottobre 2013

    Dopo 'Io sono Li', il suo film di esordio, Andrea Segre torna con 'La prima neve' a raccontare, seppure con meno coraggio e originalità, un altro incontro, spirituale e culturale, questa volta tra un bambino ancora scosso dall'improvvisa morte del padre e un africano fuggito dalla guerra in Libia, che vive in una casa di accoglienza in un paesino del Trentino e lavora nel laboratorio di un falegname. Il dolore di entrambi sembra non trovare sfogo, ma prima che la neve imbianchi tutto i due impareranno ad affrontare i rispettivi fantasmi e ad ascoltarsi.
    Alessandra De Luca, 'Avvenire', 17 ottobre 2013

    Lacrimevole dramma familiare, che arranca tra le montagne del Trentino (la valle dei Mocheni) mescolando un triste vicenda familiare con la tragedia dell'immigrazione. (...) Ben tre i vedovi, uno troppo vecchio per essere inconsolabile come gli altri due. Per la cronaca: la neve del titolo arriva dopo un'ora e mezzo.
    Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 17 ottobre 2013
  • Il Regista
    È dottore di ricerca in sociologia della comunicazione presso l’Università di Bologna. Dopo aver esordito nella regia alla fine degli anni ’90, ha scritto e diretto, con Francesco Cressati, diversi documentari, tra i quali A metà, storie tra Italia e Albania (2001), Menzione speciale al Maremma Doc Festival del 2001, e Marghera Canale Nord (2003), selezionato alla Mostra di Venezia e Menzione speciale della giuria al Roma Doc Festival.
    Courtesy of TFF


ARCHIVIO FILM

IO SONO TU
di Seth Gordon

UNA CANZONE PER MARION
di Paul Andrew

IN TRANCE
di Danny Boyle

ELYSIUM
di Neill Blomkamp

L'INTREPIDO
di Gianni Amelio

UN PIANO PERFETTO
di Pascal Chaumeil

BLING RING
di Sofia Coppola

GRAVITY
di Alfonso Cuarón

TWO MOTHERS
di Anne Fontaine

UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE
di Rocco Papaleo

LA PRIMA NEVE
di Andrea Segre

CAPTAIN PHILLIPS
di Paul Greengrass

ZORAN, il mio nipote scemo
di Matteo Oleotto

VENERE IN PELLICCIA
di Roman Polanski

IN SOLITARIO
di Christophe Offenstein

LA MAFIA UCCIDE SOLO D'ESTATE
di Pierfrancesco Diliberto

BLU JASMINE
di Woody Allen

I SOGNI SEGRETI DI WALTER MITTY
di Ben Stiller

PHILOMENA
di Stephen Frears

AMERICAN HUSTLE
di David O.Russell

DIANA
di Oliver Hirschbiegel

THE BUTLER
di Lee Daniels

IL CAPITALE UMANO
di Paolo Virzì

TUTTA COLPA DI FREUD
di Paolo Genovese

THE WOLF OF WALL STREET
di Martin Scorsese

I SEGRETI DI OSAGE COUNTY
di John Wells (II)

12 ANNI SCHIAVO
di Steve McQueen (II)

STORIA D'INVERNO
di Akiva Goldsman

MONUMENTS MEN
di George Clooney

SOTTO UNA BUONA STELLA
di Carlo Verdone

ALLACCIATE LE CINTURE
di Ferzan Özpetek

NOAH
di Darren Aronofsky

FINO A PROVA CONTRARIA - Devil's Knot
di Atom Egoyan

STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI
di Brian Percival