Rassegna
Rassegna
Rassegna
newsletter
forum
Rassegna
printmail  
  • Martedì 18, Mercoledì 19, Giovedì 20 Settembre 2007
  • Ore 16 - 18 - 20 - 22

4 mesi, 3 settimane, 2 giorni

RegiaCristian Mungiu
CastAnamaria Marinca (Otilia), Laura Vasiliu (Gabita), Vlad Ivanov (Sig. Bebe), Alex Potocean (Adi), Luminita Gheorghiu (Sig.ra Radu), Adi Carauleanu (Radu), Ioan Sabdaru (Rusu), Cristina Buburuz (Marie-Jeanne Rusu), Marioara Sterian (Adela Racoviceanu), Emil Coseru (Dottor Racoviceanu), Georgeta Pãduraru Burdujan (Sig.ra Aldea), Geo Dobre (Dottor Aldea), Madalina Ghitescu (Dora), Catalina Harabagiu (Mihaela), Sânziana Tarta (Carmen), Hazim E'Layan (Ahmed), Constantin Bojog (Marcu), Mihaela Alexandru (Daniela)
GenereDRAMMATICO
Anno2007
NazioneROMANIA
DistribuzioneLUCKY RED
Durata113'
4 mesi, 3 settimane, 2 giorni
 
Sceneggiatura: Cristian Mungiu
Fotografia: Oleg Mutu
Montaggio: Dana Bunescu
Scenografia: Mihaela Poenaru
Costumi: Dana Istrate
Effetti: Abis Studio
  • Note - PALMA D'ORO E PREMIO FIPRESCI AL 60MO FESTIVAL DI CANNES (2007).
  • La Storia
    Romania. Otilia et Gabita, due studentesse universitarie, si trovano a vivere una rischiosa circostanza. Gabita è incinta ma è decisa a non portare avanti la gravidanza nonostante interromperla sia illegale. Per aiutarla, Otilia si mette in contatto con il sig. Bebe, un uomo che può risolvere il problema.
  • La Critica
    Un film che è molto politico e molto sociale senza esserlo, mettendo in assoluto primo piano il fattore umano. Un film dove sono le sottigliezze e le sfumature a raccontarci il clima plumbeo, irrespirabile, di quel luogo e di quel tempo. (...) Dal particolare ambientale e tematico, dunque, un racconto universale di un sistema sociale che per decenni e generazioni ha privato le persone della dignità e della personalità, della capacità di scegliere e di essere responsabile.
    Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 18 maggio 2007

    Un crescendo di orrori che sarebbe insopportabile se Mungiu, a forza di piani sequenza millimetrici e di ellissi sapienti, non riuscisse a farci accettare l'inaccettabile, che a quei tempi era quotidiano. Perché quasi tutto il peggio resta fuori campo, ma proprio in quel quasi sta la genialità del film, che non ci risparmia le complicate manovre destinate all'eliminazione del feto, ma riesce a tenerci sempre vicini ai personaggi anche grazie ad attori prodigiosi, in testa l'Otilia di Anamaria Marinca con la sua pulizia, la sua modestia, la sua abnegazione da ragazza di campagna. Fin d'ora uno dei personaggi che resteranno di Cannes 2007.
    Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 18 maggio 2007

    Il romeno 'Quattro mesi, tre settimane e due giorni' ha scioccato il festival perché, nel raccontare le penose circostanze di un aborto clandestino nella Bucarest dell'87, osa inquadrare da vicino un feto prima che venga buttato nella spazzatura. Il regista Cristian Mungiu, a parte questo sadico scrupolo realistico, esibisce una mano abbastanza sicura nel tratteggiare il disorientamento, le viltà e i misfatti allignati nel tessuto infetto di una società a responsabilità limitata; nella quale, per colmo di sventura, il ruolo di martiri è affidato alla tristezza e alla bruttezza delle povere ragazze indotte alla pratica illegale.
    Valerio Caprara, 'Il Mattino', 18 maggio 2007

    Un quadro umano e sociale mostruoso, una discesa agli inferi scandita da tutti i rituali di un paese povero e intristito da una dittatura ottusa. Gli attori sono superlativi, reggono inquadrature lunghissime che farebbero scoppiare in lacrime anche i mobili. Mongiu, il 39enne regista, ha concepito il film come il primo capitolo di una serie intitolata 'Storie dell'età dell'oro, una storia soggettiva del comunismo in Romania, raccontata attraverso le leggende metropolitane', Beh, l'inizio è sgradevole ma travolgente, e attendiamo con curiosità gli altri capitoli.
    Alberto Crespi, 'L'Unità', 18 maggio 2007
  • Il Regista
    Cristian Mungiu ha debuttato come regista nel 1998 con la pellicola "Mariana" a cui seguono "Mana lui Paulista" (1999), "Zapping" (2000), "Occident" (2002) e "Lost and Found" (2005). Ultimamente ha presentato in concorso al Festival di Cannes 2007 "4 mois, trois semaines et deux jours" (2007), che ha vinto la Palma d'Oro.


ARCHIVIO FILM

IL VENTO FA IL SUO GIRO
di Giorgio Diritti

4 mesi, 3 settimane, 2 giorni
di Cristian Mungiu

FUNERAL PARTY
di Frank Oz

FAST FOOD NATION
di Richard Linklater

I TESTIMONI
di André Téchiné

SICKO
di Michael Moore

CONFETTI
di Debbie Isitt

UN'ALTRA GIOVINEZZA
di Francis Ford Coppola

SAPORI E DISSAPORI
di Scott Hicks

ESPIAZIONE
di Joe Wright

2 GIORNI A PARIGI
di Julie Delpy

MICHAEL CLAYTON
di Tony Gilroy

NELLA VALLE DI ELAH
di Paul Haggis

BECOMING JANE
di Julian Jarrold

QUEL TRENO PER YUMA
di James Mangold

I VICERÉ
di Roberto Faenza

IRINA PALM
di Sam Garbarski

SETA
di François Girard

SLEUTH - GLI INSOSPETTABILI
di Kenneth Branagh

GIORNI E NUVOLE
di Silvio Soldini

ELIZABETH: THE GOLDEN AGE
di Shekhar Kapur

LA GIUSTA DISTANZA
di Carlo Mazzacurati

WAITRESS - RICETTE D'AMORE
di Adrienne Shelly

PARANOID PARK
di Gus Van Sant

CARAMEL
di Nadine Labaki

BIANCO E NERO
di Cristina Comencini

SOGNI E DELITTI
di Woody Allen

LEZIONI DI CIOCCOLATO
di Claudio Cupellini

CAOS CALMO
di Antonello Grimaldi

LEONI PER AGNELLI
di Robert Redford

LA FAMIGLIA SAVAGE
di Tamara Jenkins

LONTANO DA LEI
di Sarah Polley

I PADRONI DELLA NOTTE
di James Gray

IL CACCIATORE DI AQUILONI
di Marc Forster

JUNO
di Jason Reitman