Rassegna
Rassegna
Rassegna
newsletter
forum
Rassegna
printmail  
  • Lunedì 3, Martedì 4, Mercoledì 5, Giovedì 6
  • Ore LUNEDì 3 ottobre ore 22.00 .... MARTEDì 4, MERCOLEDì 5 ore 15.30 - 18 - 20.30 .... GIOVEDì 6 ore 15.30 - 17.30 - 20 - 22

LOLO - GIÙ LE MANI DA MIA MADRE

RegiaJulie Delpy
CastJulie Delpy (Violette), Dany Boon (Jean-René), Vincent Lacoste (Lolo), Karin Viard (Ariane), Antoine Lounguine (Lulu), Christophe Vandevelde (Gérard), Elise Larnicol (Elisabeth), Christophe Canard (Patrick), Nicolas Wanczycki (Medico)
GenereCOMMEDIA
Anno2016
NazioneFRANCIA
DistribuzioneM2 PICTURES
Durata99'
LOLO - GIÙ LE MANI DA MIA MADRE
 
Sceneggiatura: Julie Delpy, Eugénie Grandval
Fotografia: Thierry Arbogast
Musiche: Mathieu Lamboley
Montaggio: Virginie Bruant
Scenografia: Emmanuelle Duplay
Costumi: Pierre-Yves Gayraud
Produzione: THE FILM, FRANCE 2 CINEMA, MARS FILMS, WILD BUNCH, TEMPÊTE SOUS UN CRÂNE PRODUCTIONS
  • La Storia
    Durante una vacanza in compagnia di un'amica a Biarritz, Violette, sofisticata parigina che lavora nel mondo della moda, incontra l'uomo della sua vita: Jean-René, un modesto tecnico informatico, divorziato da poco. Tra i due nasce una bella storia d'amore, ma al rientro a casa però, dovranno fare i conti con diversi problemi: un differente stile di vita e soprattutto Lolo, il tirannico quanto geniale 19enne figlio di Violette che farà di tutto per mantenere il proprio posto di favorito nel cuore dell'amatissima madre...
  • La Critica
    Questo è il sesto film che l’attrice francese scrive e dirige, tornando a indagare con umorismo e un pizzico di cattiveria i mutamenti delle relazioni umane, tracciando un quadro veritiero dei timori, delle ansie e delle paure dell’essere umano alle prese con la complessità dell’amore.
    Nel cast, oltre alla Delpy, troviamo alcuni degli attori più importanti del cinema francese contemporaneo come Dany Boon creatore del fenomeno Giù al Nord ed interprete di molte altre commedie di successo, Karin Viard reduce dal grande successo de La famiglia Belier e il giovane Vincent Lacoste protagonista di Asterix & Obelix al servizio di Sua Maestà.
    Lolo – Giù le mani da mia madre, attraverso personaggi un po’ sopra le righe, situazioni divertenti e tanti equivoci, racconta con acume e leggerezza come l’amore debba superare apparenze e pregiudizi, e come spesso la felicità sia appesa a... un figlio!
    Durante una vacanza nel sud della Francia la sofisticata e chic Violette incontra Jean-René, un informatico un po’ imbranato ma amante della vita. Contro ogni previsione i due sono subito in sintonia e alla fine dell’estate Jean-René non vede l’ora di raggiungere la sua amata a Parigi. Ma la loro diversa estrazione sociale e Lolo, il figlio diciannovenne di Violette, non renderanno le cose facili...
    Cinematographe.it, 29 luglio 2016

    Un meccanismo comico oliato con diabolica precisione e caratterizzato da un ritmo infallibile, deliziosa bravura della regista ed interprete Julie Delpy, affiancata da un efficacissimo Danny Boom e dalla gustosa comprimaria Karin Viard. Una catena di battute e di gag esilaranti, in cui la malizia e i doppi sensi mantengono comunque una propria eleganza. Un velo di romanticismo che però non risulta mai melenso. Verso il finale la sceneggiatura calca troppo il pedale sui toni farseschi, andando talvolta sopra le righe.
    Movieplayer.it, agosto 2016
  • Il Regista
    Nasce a PARIGI (Francia) il 21-12-1969. Figlia di Albert Delpy, attore e regista teatrale, e Marie Pillet, anche lei attrice. Ha appreso l'arte della recitazione dai suoi genitori e in seguito ha frequentato, per un periodo, l'Actor's Studio di New York. Ma l'esperienza più importante è stata quella di lavorare sul set di alcuni dei più importanti registi europei tra cui Jean-Luc Godard - che a soli quattordici anni l'ha fatta debuttare sul grande schermo con una piccola parte in "Détective" (1985) - Bertrand Tavernier, Agneiszka Holland, Carlos Saura e Krysztof Kieslowski. Da sempre innamorata di New York, vi si è trasferita nel 1990 dopo anni di avanti-e-indietro da Parigi e il pubblico statunitense l'ha conosciuta come Costanza in "I tre moschettieri" (1993) di Stephen Herek, ma l'ha apprezzata ancor di più l'anno successivo come protagonista di "Killing Zoe" di Quentin Tarantino. Sin dal suo esordio è stata interessata più alla regia che alla recitazione e a metà degli anni '90 ha frequentato un corso estivo di regia presso l'Università di New York, diplomandosi col massimo dei voti. Nel 1995 ha realizzato il suo primo cortometraggio "Blah Blah Blah", da lei anche scritto e interpretato, presentato al Sundance Film Festival, mentre nel 2000 ha scritto e diretto il suo primo lungometraggio "Tell me", di cui è anche interprete accanto ad Ethan Hawke, già suo compagno di set in due film di Richard Linklater: "Prima dell'alba" (1995) e "Waking Life" (2001, presentato in concorso alla 58ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia). Attualmente vive a Los Angeles. Oltre al francese, parla correttamente l'inglese e l'italiano ed ha una buona conoscenza del tedesco e dello spagnolo.


ARCHIVIO FILM

MA LOUTE
di Bruno Dumont

TORNO DA MIA MADRE
di Eric Lavaine

IL DIRITTO DI UCCIDERE
di Gavin Hood

LOLO - GIÙ LE MANI DA MIA MADRE
di Julie Delpy

ESCOBAR
di Andrea Di Stefano

LA FAMIGLIA FANG
di Jason Bateman

L'EFFETTO ACQUATICO
di Sólveig Anspach

IO PRIMA DI TE
di Thea Sharrock

BRIDGET JONES'S BABY
di Sharon Maguire

NERUDA
di Pablo Larraín